Back to top
HYPOTHESIS | ATTO III

Nuova Galleria Morone presenta Hypothesis (per una Collezione), un’esposizione dinamica, in continua evoluzione – divisa in tre atti – che terminerà nel mese di Luglio. Esponendo le opere degli artisti che in dieci anni hanno collaborato ed esposto in galleria dal 2011 ad oggi e nuove proposte, la Nuova Galleria Morone si propone di offrire nuove idee e prospettive collezionistiche. Attraverso un confronto visivo, le opere di Hypotheis (per una collezione) – Atto III – dialogheranno tra di loro tra la fotografia e il disegno. La mostra sarà visitabile negli spazi della Nuova Galleria Morone dal 1 Luglio 2021.

Hypothesis inteso come ipotesi, supposizione ed idee per collezionare; un punto di partenza per il processo di una ulteriore rielaborazione e dibattito fruitivo davanti alle opere. Ogni linguaggio possiede un personale codice comunicativo, ogni immagine è portatrice di uno specifico messaggio che deriva dall’ambiente culturale all’interno del quale si è sviluppato e dalla sua funzione. Saper leggere un’opera, sia essa un dipinto, scultura o installazione, fotografia, significa principalmente decodificarne i messaggi attraverso l’uso del linguaggio visivo.
Tra dubbi, incertezze e paure, in questo periodo – ormai lungo – l’unico punto di riferimento è stata la casa. Rivelatasi rifugio, è tornata ad essere luogo da vivere ed abitare, luogo da amare e di cui prendersi cura. Pareti vuote, spazi incompleti, muri disadorni. Il nostro intento – a seguito di una attenta riflessione – è proporre e condividere, in tre Atti, opere alla ricerca di una rinascita, siano esse tra le pareti della galleria, scrutate da occhi di visitatori curiosi o tra le mura di una casa, cullate da sguardi consapevoli.

Il terzo e ultimo appuntamento è un’esposizione che indaga i diversi linguaggi della contemporaneità artistica attraverso i lavoro di 9 artisti; dalla fotografia di Davide Coltro, Julia Krahn, Myriam Laplante, Alec Von Bargen, il lightbox installativo di Inés Fontenla, le opere di disegno di Elizabeth Aro e Jose Barrias, le opere oniriche che legano fotografia e disegno di Meri Gorni e l’opera concettuale di Pipo Hernandez.

INAUGURAZIONE:
01 luglio 2021
DATE MOSTRA:
01.07.2021
a cura di:
Diego Viapiana
ARTISTI:
Elizabeth Aro, Jose Barrias, Davide Coltro, Inés Fontenla, Meri Gorni, Pipo Hernandez Rivero, Julia Krahn, Myraim Laplante, Alec Von Bargen
Category:
Mostre, Passata
.